Portale Trasparenza Università degli Studi G. d'Annunzio - Dipartimento di Architettura

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Articolazione degli uffici

Dipartimento di Architettura
Responsabile: Rinaldi Tullia

Dipartimento di Architettura

Direttore: prof. Carlo Pozzi

Componenti Giunta:

Fabietti Valter
Forlani Maria Cristina
Giannantonio Raffaele
Palestini Caterina
Pignatti Morano Di Custoza Lorenzo
Pozzi Carlo
Varagnoli Claudio

Componenti Consiglio:

Andriani Carmela
Barbieri Giuseppe
Bucciarelli Piergiacomo
Clementi Alberto
Carbonara Sebastiano
Di Sivo Michele
Fabietti Valter
Forlani Maria Cristina
Fusero Paolo
Garofalo Francesco
Ghisetti Giavarina Adriano
Mascarucci Roberto
Pavia Rosario
Pignatti Morano Di Custoza Lorenzo
Pozzi Carlo
Sacchi Arturo Livio
Unali Maurizio
Urbani Paolo
Vallicelli Andrea
Varagnoli Claudio
Ferrini Susanna
Lepore Michele
Marano Antonio
Palestini Caterina
Pardi Giorgio
Raimondo Filippo
Ranellucci Sandro
Serafini Lucia
Tunzi Pasquale
Villani Marcello
Zazzara Lucio
Angelucci Filippo
Angrilli Massimo
Aristone Ottavia
Baldassarri Elianora
Basti Antonio
Bilò Federico
Branciaroli Rosa
Calabrese Vincenzo
Camplone Stefania
Capanna Piscè Ilvi
Clemente Antonio Alberto
D’Avino Stefano
Di Bucchianico Giuseppe
Di Nicolantonio Massimo
Di Venosa Matteo
Fiadino Filomena Adelina
Ghelli Cynthia
Giannantonio Raffaele
Ladiana Daniela
Mataloni Giovanni
Misino Paola
Potenza Domenico
Radogna Donatella
Rovigatti Pietro
Salucci Antonella
Ulisse Alberto
De Camillis Anna Luisa
Di Falco Luciano
Verazzo Clara

Descrizione attività:

Il Dipartimento di Architettura è stato costituito un paio di anni fa con la fusione dei tre dipartimenti pescaresi  di Disegno, Restauro, Storia, Tecnologia (DISSAR), di Urbanistica e Progettazione Architettonica (DART) e di Design, Progettazione Architettonica, Tecnologia (IDEA).

Con alcuni cambiamenti si sono costituite altrettante sezioni: PAr (Patrimonio Architettonico), AU (Architettura e Urbanistica), DePT (Design e Tecnologia).

DIDATTICA

Il Dipartimento ha ereditato una parte cospicua della ex-Facoltà di Architettura, dismessa dalla Legge Gelmini, divenendo dipartimento prevalente della Laurea Quinquennale in Architettura, andando a una definitiva dismissione delle lauree 3+2 sperimentate senza successo negli anni precedenti.

Nella ristrutturazione del percorso di laurea, con un lavoro di circa un anno della Commissione Didattica, abbiamo lavorato a una profonda trasformazione, cercando di offrire agli studenti un percorso meno accidentato e contrassegnato da “paletti”: numero di esami non superiore ai 30 (dopo la proliferazione degli anni precedenti) e dalla chiara connotazione e titolazione, senza integrazioni tra piccoli corsi o moduli, ripristinando una serie di propedeuticità che impediscano agli studenti di arrivare all’ultimo anno con ancora sulle spalle, per esempio, il peso delle materie scientifiche e che nello stesso tempo distillino conoscenze necessarie alla progressione di consapevolezza progettuale.

Per quanto riguarda la progettazione architettonica, il corso regolamentare annuale sarà affiancato da un sistema di workshop (della durata media di una settimana) che permetterà di aumentare il numero delle sperimentazioni didattiche e arrivare all’esame di stato con una attitudine alla prova ex-tempore.

Il Dipartimento vuole rendere più interessante e formativa l’ esperienza sul campo durante il Tirocinio, privilegiando lavori su programmi concordati, in studi accreditati per qualità (nazionali e internazionali) o in municipalità in cui si costituisca un Laboratorio Urbano, nel quale si svolgono workshop internazionali e distillazione dei risultati utili alla comunità

I professori del Dipartimento stanno lavorando alla proposta di alcuni Master, che ripropongano esperienze già acquisite (Restauro, Spazio Sacro) o che propongano nuovi percorsi legati alla sostenibilità urbana e territoriale, con una cospicua parte degli insegnamenti in lingua inglese e rivolti all’intero bacino adriatico.

 

RICERCA

Le sezioni sono state costituite su affinità relative ai vari approcci alla ricerca che costituiscono un patrimonio per il Dipartimento:

-Il progetto per la sostenibilità urbana, con un filone dedicato al rapporto tra città informale e città formale e alcune sperimentazioni operanti nelle favelas brasiliane;

-La gestione del rischio a scala urbana e del paesaggio, che vede l’impegno di molti ricercatori sul fronte della ricostruzione di piccoli centri del bacino aquilano, sconvolti dal sisma del 2009, e detentori di una importante eredità architettonica da valorizzare con le più raffinate tecniche di restauro

-L’approccio tecnologico legato alla progettazione ambientale e all’analisi dei cambiamenti climatici e la ricerca nell’ambito del design, specializzata in particolare nella nautica e nel “design for all”.

Queste tematiche vengono esplorate nei laboratori di ricerca, nelle riviste (PPC Piano Progetto Città e Opus. Quaderni di storia architettura restauro), nei corsi ai vari livelli della formazione degli studenti, con risultati che hanno visto importanti riconoscimenti nel 2013: gli studenti Simone Iannucci e Simona Iachetti, hanno vinto il concorso per studenti sulle Mura Dionigiane di Siracusa; la tesi di laurea di Lucia D’Alessio, ha vinto il premio RI.USO_Rigenerazione Urbana Sostenibile (Bologna SAIE 2013)

E’ uscito a fine 2013 il numerozero del foglio WOO, curato da un gruppo di studenti che frequentano i corsi dei Dipartimenti di Architettura e Ingeo.  Insieme alla radio_web RKT, diventeranno importanti strumenti di comunicazione tra studenti_docenti_città.

Ai Dottorati degli anni precedenti (Architettura e Urbanistica, Storia Conservazione e Rappresentazione dell’Architettura) che ricalcano le discipline e i temi di ricerca esposti, si affianca un nuovo Dottorato che sperimenta la cooperazione didattico-scientifica con il Dipartimento Ingeo, costituito prevalentemente da Ingegneri e Geologi.

Particolare rilevanza all’interno dell’Ateneo “G. D’Annunzio” hanno le relazioni Erasmus e le Convenzioni Internazionali strutturate dal Dipartimento di Architettura, a partire dalla consapevolezza che lo scambio scientifico-didattico è uno strumento di grande arricchimento per entrambe le parti: le università con cui lavoriamo assiduamente sono sparse un po’ in tutta l’Europa per quanto riguarda il movimento degli studenti previsto da Erasmus e in America Latina, Canada e Stati Uniti, nei paesi del Nord Africa, e in altri paesi europei per lo scambio di docenti (e sempre di più di studenti) previsto dalle convenzioni.

Recentemente, dopo anni di separazione, l’arte è tornata negli  spazi di Viale Pindaro, con le installazioni di Cantiere Abruzzo nella galleria e in alcuni laboratori: i manichini di Francesco D’Incecco, a fianco di design, artigianato di ricerca, architettura; i progetti, realizzati dai laureati pescaresi, che hanno vinto la prima edizione del premio Ad’A invitano a sperare in un tempo così difficile per l’architettura e per l’Italia

Contatti
Telefono: 085 4537269
Fax: Fax: 085 63879
Contenuto inserito il 20-01-2014 aggiornato al 10-06-2015
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Via dei Vestini 31 - 66100 Chieti Scalo (CH)
PEC ateneo@pec.unich.it
Centralino 0871.3551
P. IVA 01335970693
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:

Gestione web di Ateneo

Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato con ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it